Tra Audrey Hepburn e Lisbeth Salander: Rooney Mara


Ok, lo ammetto, sono innamorato. E per amore si fanno cose che altrimenti non si farebbero mai. Tipo attraversare il mondo intero o, molto più semplicemente, dedicare un post sul proprio blog nonostante questo vada contro la propria etica personale (e infatti non si ripeterà mai più). 

La persona (o personaggio, ma molto spesso le due cose si confondono) in questione è Rooney Mara. Ovvero lei:



Patricia Rooney Mara, anno 1985, è nata a Bedford nello stato di New York ed è la figlia di Timothy Christopher Mara, il presidente della squadra di football dei New York Giants, e di Kathleen McNulty. Mezza italiana e mezza irlandese, è la sorella minore dell'attrice Kate Mara, con la quale ha cominciato la propria carriera d'attrice nel film Urban Legend 3. In seguito ha partecipato a varie serie televisive, tra cui Law & Order e E.R.
Nel 2009 recita nel film Youth in Revolt di Miguel Arteta e in Tanner Hall di Tatiana von Fürstenberg e Francesca Gregorini, mentre nel 2010 è la protagonista del remake di Nightmare - Dal profondo della notte, diretto dallo scarso Samuel Bayer
Sempre nel 2010 viene inserita nel cast di The Social Network di David Fincher, che la vorrà poi l'hanno successivo (2011) in The Girl with the Dragon Tattoo (in Italia Millennium: Uomini che Odiano le Donne, qui la mia recensione), remake del film svedese del 2009 tratto dal best sellers di Stieg Larsson.


Io l'ho conosciuta proprio in quest'ultimo film, nei panni dell'hacker punk Lisbeth Salander, e me ne sono completamente innamorato. Per entrare completamente nella parte di Lisbeth, Rooney si è lasciata praticare l'arte del pearcing proprio come il suo corrispettivo in celluloide e si è lasciata rasare le sopraciglia e tagliare i capelli, quasi a dimostrare una totale dedizione al cinema e al proprio lavoro. 

In effetti quest'ultimo ruolo l'ha consacrata al successo con una nomination all'Oscar ma, soprattutto, che l'ha liberata da registi più attenti a mettere in risalto la sua avvenenza che le sue (a parere mio notevoli) doti recitative.

Tutt'ora Rooney Mara è associata a Lisbeth Salander e lei stessa, ha affermato, non riesce ancora a liberarsi completamente del personaggio. Ne ha conservato la freddezza e lo sguardo malinconico, ma questo invece che incidere sul suo fascino lo ha aumentato esponenzialmente. Guardare per credere:




Tra l'altro sarà il taglio di capelli o gli occhioni immensi, ma il suo stile alla Audrey Hepburn credo sia capace di uccidere o se non altro di ferire gravemente.
Sguardo intenso e aspetto da cerbiatta, eppure è forte la sensazione che quando si arrabbi possa scatenare l'inferno




La differenza rispetto a qualche anno fa è incredibile:



Adesso Rooney è impegnata nella lavorazione del film Lawless di Terence Malick, a fianco di Ryan Gosling. E' stata scritturata anche da Steven Soderbergh per il suo ultimo lavoro, The Bitter Pill, in uscita nel 2013.

Io ho realizzato e le ho dedicato questo video. Può sembrare eccessivo ma sinceramente non me ne può fregar di meno: abbiamo bisogno tutti di sogni e il mio, per quanto irrealizzabile, è bellissimo.


Commenti

  1. Una figliuola notevole.
    In particolare nel ruolo di Lisbeth.

    RispondiElimina
  2. In quel ruolo è qualcosa di eccezionale... ma anche nella normalità siamo sopra la media.

    RispondiElimina
  3. pure il video?
    ti sei sbattuto, ma per rooney ne vale la pena!

    RispondiElimina
  4. Mi sono sbattuto, ma è stato un piacere immenso.

    RispondiElimina
  5. E hai fatto una cosa bellissima, perché il video è davvero adorabile, è una dichiarazione d'amore in tutto e per tutto, e tu lo sai quanto ti capisco.
    Alla fine ci si innamora sul serio di questi sogni impossibili. Lo sappiamo che non sono realizzabili. Ma è bello soltanto stare lì a fantasticare.
    Ne vale la pena.
    Davvero.

    RispondiElimina
  6. Grazie, tu sei stata fonte di ispirazione... ci si innamora sul serio e va bene così, però fa bene sognare, anche quando non ci credi più.

    RispondiElimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari