Apocalisse? Sì, ma solo al cinema (i 7 film più apocalittici)


Ed eccoci al fatidico 21 Dicembre 2012. Non dovrebbe esserci la fine del mondo, oggi? No? Aspettiamo ancora un po'? No, non credo che ci sarà. I maya forse intendevano un'altra cosa, forse gli hanno tradotti male, chissà. Però il cinema ci ha marciato sulla fine del mondo, e questo da tempo immemore. Quanti film abbiamo visto che la raccontavano? Fine del mondo per colpa degli alieni, di mostri, di virus letali, di asteroidi, dei ghiacci. Armageddon religiosi, il nucleo terrestre che implode o il sole che collassa. Per non parlare del cinema post-apocalittico. Ce n'è per tutti i gusti. Quindi, visto che oggi la fine del mondo non è arrivata, vi presento la mia classifica personale dei film che, in un modo o nell'altro, parlano di questi argomenti. Una Top 7 non di film belli ma di film che secondo me rendono al meglio l'apocalisse o la post-apocalisse, per un idea, per una scena o per un particolare. I più rappresentativi? Neanche per sogno, non ne sarei mai capace.

07) Southland Tales (di R. Kelly)


Anno: 2006
Tipologia: cazzata apocalittica

Molti diranno "ma questo film è una schifezza" e forse potrei anche essere d'accordo... forse. Però anche solo la frase di lancio "È questo il modo in cui finisce il mondo. Non già con un lamento, ma con un botto" spiega la fine del mondo, secondo me, come mai era stato fatto prima. Una pellicola a metà strada tra la commedia, la satira, il musical e l'action fantascientifico. Una cazzata per molti, una furbata per altri ma non c'è che dire: nel bene e nel male ha fatto parlare di se.

06) The Divide (di X. Gens)


Anno: 2011
Tipologia: apocalisse per cause non pervenute

Questo film ha diviso in molti: c'è a chi è piaciuto e chi lo ha disprezzato. Ma in questa sede non importa perché The Divide, con due sole scene, è riuscito a rappresentare la fine del mondo meglio di come sia stato fatto in film nettamente più belli: l'inizio apocalittico e il finale post-apocalittico che lascia senza speranza. Davvero, un cinismo di quelli violenti e cattivi. E il motivo per cui succede tutto questo? Non ci viene spiegato e, sinceramente, non ci importa. Per la recensione andate qui.

05) L'Uomo del Giorno Dopo (di K. Costner)


Anno: 1997
Tipologia: western post-atomico

In questo film il mondo non finisce, ma per colpa di una guerra nucleare l'umanità (o meglio, quel che rimane dell'umanità) perde le proprie caratteristiche civili e si ritrova proiettata in un medioevo inospitale dove la differenza tra il vivere e morire e nelle mani di pochi uomini e in quelle dell'incurante madre natura. Quindi c'è la fine del mondo per come lo conosciamo noi e tanto basta per farsi ricordare. Un film artificioso e retorico ma che io amo per quel senso di epico che esprime, un action che molto deve al western, che avvince e che incanta. O almeno questo è l'effetto che ha su di me.

4) Hardware (di R. Stanley)


Anno: 1990
Tipologia: post-apocalittico fanta-desertico

Se lo scenario post-atomico del film un gradino più sotto ricordava il western action più retorico ma anche più epico, quello dipinto da Richard Stanley nel suo film d'esordio è velenoso e acido, tra la fantascienza e l'horror, senza speranza. In Hardware il mondo non è finito ma è sull'orlo del collasso. Se dovessi immaginare il pianeta terra morto e privo di vita lo immaginerei proprio com'è dipinto in questo film: radioattivo, velenoso, Ma se volete sapere come la penso, potete leggere la mia recensione qui.

3) Melancholia  (di L. Von Trier)


Anno: 2011
Tipologia: asteroide bastardo

Von Trier non piace a tutti. E' un personaggio scomodo, autoreferenziale, egocentrico. Io non sono né a favore né contro di lui. A me qualche suo film piace e altri no. Ma questo Melancholia mi ha ammaliato già dopo la prima visione. Perché è di un doloroso non concepibile in natura. Perché nonostante in questo film il mondo finisca, quasi quasi non ce ne frega niente nonostante il gioco di attese faccia più paura di tanti mostri, perché è su qualcos'altro che si sofferma il regista e come al solito gli esseri umani non ci fanno una bella figura. Per la recensione andate qui.

2) Doomsday (di Neil Marshall)


Anno: 2008
Tipologia: virus letale

Ok, qualcuno obietterà che neanche questo film parla della fine del mondo, ma al massimo della fine dell'Inghilterra e poi chissà. Però il titolo parla chiaro e come non inserire un film che si chiama Doomsday in una classifica sulla fine del mondo? I riferimenti ad un certo tipo di cinema (quello di serie B) fa bene agli occhi e al cuore, c'è lei, Rhona Mitra, che da sola porta la pellicola nella leggenda e se tutto questo non dovesse bastarvi intrattiene meglio di tanti altri film "simili". Per la recensione andate qui.


1) Il Dottor Stranamore (di S. Kubrick)


Anno: 1964
Tipologia: apocalittico satirico

Concludiamo con un film dalle parti del classico, non che del capolavoro. Un salto nel passato ma attuale come pochi, che affronta l'argomento della fine del mondo (dovuto ad una guerra nucleare esplosa per "errore") con cinismo e ironia. Fa ridere, fa pensare, fa persino male. E assistiamo in modo satirico ad una fine del mondo più reale del reale. Peter Sellers mattatore e il genio Kubrick senza peli sulla lingua per un opera d'arte che dovrebbe essere obbligatorio studiare nelle scuole di tutto il mondo.

Ovviamente ci sono altri film (più) meritevoli sull'argomento, tra i tanti 28 Giorni dopo, The Road o quel gioiellino di The Day. Ma 7 posti non sono poi così tanti e questi, belli o brutti che siano, sono quelli che per un motivo o per l'altro reputo più rappresentativi.

Intanto, per ora, auguro buona fine del mondo a tutti.

Commenti

  1. Bella la premessa anche perché di questi, per me, si salvano solo doomsday e stranamore (perché non l'ho mai visto...;) ).
    Secondo me la miglior rappresentazione della fine del mondo è "Strange days" della Bigelow.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strange Days bellissimo, sai che me ne ero dimenticato? Non so perché ma non lo associo alla fine del mondo...

      Il Dottor Stranamore devi recuperarlo assolutamente mentre mi dispiace che non ti sia piaciuto Hardware...

      Elimina
    2. Madò! Hardware è cosa buona ;)
      Strange days ha una visione tutta sua della fine del mondo... ;)

      Elimina
    3. Ecco, mi sembrava strano che Hardware non so piacesse :D

      Elimina
  2. Ero quasi convinta che avrei fatto l'enplein di film non visti. Che, come per l'horror, ho dei problemi anche con il genere apocalittico. E invece col Dottor Stranamore mi hai rovinato la media. Anzi, sono secoli che non lo vedo. Quasi quasi, in questi giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io proporrei la giornata nazionale del Dottor Stranamore :D oggi, per ricordare quanto si sia avvicinato più un film alla verità di quanto abbiano mai fatto i Maya

      Elimina
    2. Ci sto. Dove devo firmare? :)

      Elimina
    3. Sottoscriviamo una petizione e la facciamo firmare ai blogger di tutto il mondo (sono il solito esagerato :D )

      Elimina
  3. Il dottor stranamore mi era sfuggito, la fine del mondo per mano umana si distanzia dai titoli scelti da me! Il resto mi manca, a parte Southland tales, uno dei pochi film che non sono riuscita a finire e che mi rifiuto di recuperare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Southland Tales è uno di quei film che a me è piaciuto e non saprei nemmeno spiegare il perché, visti i difetti che ha. Forse perchè è tutto una gran baracconata e a me diverte vedere come l'ha costruita Kelly. Però effettivamente io per primo non so se lo rivedrei...

      Elimina
  4. Solo Doomsday, che mi ha fatto anche un pochino impressione....non ho mai visto neppure il dottor Stranamore mannaggia...mi sa che ho parecchio da recuperare ma, a quanto pare, tempo ce ne sarà ancora! Intanto auguri và!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io consiglio tutti tranne Southland Tales, poi chissà ;)

      Auguri a te :)

      Elimina
  5. Kubrick sempre numero uno.
    E Doomsday spacca!

    RispondiElimina
  6. Lars...io lo lovvo,come una nostra amica lovva spilby,ma io a ragione eh.

    WATERWORLD
    DOOMSDAY
    ZOMBI
    L'ULTIMA SPIAGGIA
    L'ULTIMA ONDA
    MELANCHOLIA + EPIDEMIC (LARS !!!!!),
    APOCALISSE A FROGTOWN


    LI SAPEVI?SAPPILI!

    RispondiElimina
  7. Non sono molto convinto di Waterworld, che mi piace ma meglio dell'Uomo del Giorno Dopo (mai visto Epidemic)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'uomo del giorno dopo è migliore come storia,ma l'avevi già messo tu.
      No,a me piace:epico,originale,bello.
      Epidemic...mi sa che potresti anche ammazzarmi,perchè è purissimo lars giovanile eh! ^_^

      Elimina
    2. Lo vedrò, così decido se ucciderti o meno :D

      Elimina
  8. Risposte
    1. Ehy, non mi aspettavo fosse così poco visto sto capolavoro satirico. Recuperelo che vale davvero la pena...

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari