Cinema indi? Italia e Francia collaborano per rilanciare l'horror: Phantasmagoria


Qualche giorno fa mi è arrivato per mail un comunicato stampa. Sapete quanto io mi lamenti dello stato in cui versa il nostro cinema o la nostra cultura (al più presto un nuovo post sull'argomento). Quindi venire a conoscenza di determinati progetti mi mette sempre un po' di curiosità. Si tratta di una collaborazione o, meglio, co-produzione italo-francese. Si tratta di horror. Si tratta di un progetto intitolato Phantasmagoria

Rome, July 2, 2013. Coming straight from France and Italy, a brand new horror production is ready to spread terror.

Voi credete ai fantasmi?

La compagnia M INTERNATIONAL ha lanciato il 2 Luglio 2013 la produzione di un nuovo film, Phantasmagoria. Tre scioccanti racconti horror che vi porteranno oltre la paura. Dalla mente del regista Domiziano Cristopharo (House of Flesh Mannequins, Bloody Sin of Horror, Poe: Poetry of Eerie) e di Mickael Abbate (direttore del festival Samain du cinéma fantastique), Phantasmagoria è una co produzione franco-italica. Tra i collaboratori, Tiziano Martella (Legio XIII e make-up artist di Zombie Massacre e Eaters

Si tratta di tre racconti, si tratta di una produzione indipendente che guarda con nostalgia al vero cinema "di paura", si tratta di un film previsto per l'Halloween del 2014. Le premesse sembrerebbero interessanti, per il risultato c'è da attendere. Sarà un fiasco o un successo? Vedremo, io attendo fiducioso. Intanto godiamoci il poster realizzato dall'artista italiano Federico Bebber

Per info:

Commenti

  1. Come versa la nostra cultura cinematografica?
    Semplice: per fare una cosa del genere annunciano con fanfare una coproduzione con i mangiarane.Per produrre l'ultimo COSO di Argento e altre amenita' consimili usano i soldi dei contribuenti a secchiate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un interessantissimo progetto per un film finalmente filologico su Dylan Dog,fatto da gente capace e affermatissima in rete, si e' appena finito di autofinanziarsi con le sottoscrizioni libere dei fan.....
      Devo continuare?
      Sto' qui fino a domani...

      Elimina
    2. Hai ragione, una nazione dovrebbe finanziare i giovani, non i bolliti che non vuole finanziare più nessuno. Detto questo, non amo il cinema d'oltralpe ma almeno loro sono riusciti a rilanciare un genere negli anni passati. Questi si autoproducono e mi sembra il minimo raccontarlo in giro. Come mi sembra il minimo finanziare con almeno pochi euro il progetto di Dylan Dog (che però, mi sa, non ha raggiunto gli obbiettivi) o finanziare un progetto tutto italiano riguardante il mondo del fumetto o quello della musica (ma di questo parlerò domani per continuare il discorso indipendente)

      Elimina
    3. Sisi, invece: http://www.indiegogo.com/projects/dylan-dog-vittima-degli-eventi

      Groucho fatto da quello di The Pills è un EPIC WIN formato colosseo!

      Elimina
    4. Non sono riusciti ad arrivare ai 30.000 previsti... Un peccato, quanti siamo in Italia? Sarebbe bastato anche solo un'euro da parte di ogni dylandoghiano per raggiungere la cifra. Comunque domani ne parlo, c'è molto da dire!

      Elimina
    5. No:hanno sfondato quota 15.000 quindi il film si fa.Ora sono alla fase due, con raccolta anche di materiali ed altro.
      Tu che cell'hai, loggatici su FB.

      Elimina
  2. bè,la speranza non deve mai mancare ..Speriamo bene,dai!
    L'ottimismo è il profumo della vita,come diceva il poeta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono mai ottimista, ma almeno qualcuno fa qualcosa e allora bisogna supportarlo ad ogni costo. Nel post di domani parlerò di qualche altro progetto tutto made in italy.

      Elimina
    2. certo! Quando ci sono in giro dei progetti italiani che potrebbero essere interessanti e che si sforzino di fare cinema di genere o altro è giusto sostenerli
      Rammento quando sostenevo la doppia ora,ma non che avessi molto successo tra alcuni difensori della commediola italica ^_^

      Elimina
  3. Epperò a me Cristopharo mi ha cancellato da facebook... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è maleducazione, ho fatto bene io che non ho mai pensato di chiedergliela...

      Elimina
    2. Gentilissima Ester io non credo di conoscerla, onestamente. Avevo una pagina facebook che ho cancellato mesi fa (quindi con tutti gli allegati "amici") in quanto ho trovato forzatamente invasive le nuove impostazioni del social network e non gradisco che le cazzate varie che pubblico, nonchè foto etc siano raggiungibili per forza di cose ad estranei e anche ai loro amici; penso sia un mio diritto. Ho fatto così una nuova pagina provata e riseravata solo a colleghi, familiari ed amici veri. Se la mia scelta l'ha indisposta o turbata poteva scrivermi in privato e comunicarmelo glielo avrei spiegato senza problema. Domiziano Cristopharo

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari