23 maggio 2015

Il caos può partorire una stella danzante


Le cose non vanno mai come vorresti. E questo è un dato di fatto, una cosa che tutti sanno, tutti ammettono, ma che nessuno comprende finché le cose non iniziano ad andare nel verso sbagliato. Non ci si può far nulla, si può solo piegare il capo, fermarsi e cercare di guardare la cosa da una prospettiva diversa. Che non è detto che debba essere la più giusta. Insomma, bisogna accettare e andare avanti, ma è più facile a dirsi che a farsi. Perché quando il mondo ti crolla addosso non ci sono cazzi che tengano: quel mondo non c'è più e tu rimani immobile tra le macerie senza aver ben chiaro cosa fare. 

Quel che deve seguire allora è la ricostruzione. Ma per ricostruire qualcosa, ripartendo da zero, c'è bisogno del giusto stato mentale, della spinta appropriata, degli strumenti adatti. E della convinzione che, se le cose sono andate male, di fondo siamo stati noi a sbagliare qualcosa. Lavorare su se stessi, in questi casi, è la base. Cambiare atteggiamento per cambiare i risultati. "Un cambiamento mantenendo un vecchio atteggiamento è un adattamento" dice una canzone dei Sottotono di tanti anni fa. Attuare un cambiamento mantenendo intatto il nostro modo di fare, il nostro modo di approcciarsi al mondo, la nostra visione del tutto, vuol dire ricadere in certi meccanismi. E se le cose sono andate male vuol dire che forse, in fondo in fondo, quei meccanismi sono sbagliati. Perché le cose non vanno mai come vorremmo ma questo non vuol dire che noi siamo costretti a subire senza fare nulla a riguardo. Che sia colpa nostra o meno. Se non si ha potere su quel che ci accade, ci rimane comunque il potere di reagire. Ma non è facile, ci vuole tempo e non è detto che alla fine ci si riesca. E' tutto un punto interrogativo. Tutto così confuso. Ma il caos può partorire ancora una stella danzante.




14 commenti:

  1. Ti auguro con tutto il cuore di riuscirci, col tempo di cui avrai bisogno. Ciao, Frank.

    RispondiElimina
  2. E' il post dei miei ultimi 3 anni.
    Capisco fino all'essenza ultima ogni tua frase,
    Ma bentornato lo posso dire lo stesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, probabilmente per motivi diversi dai miei, potrai capire bene come mi sento :)
      Bentornato sì, anche se non so quanto e cosa scriverò, ho bisogno di tempo e per un po' ho messo il cinema (e molte altre cose) da parte. Grazie Caden :)

      Elimina
  3. il caos ne puó partorire parecchie di stelle danzanti, fidati...intanto rileggerti dopo tanto tempo è un piacere

    RispondiElimina
  4. Il caos serve sempre.
    Per costruire e per distruggere.
    Dacci dentro, Frank.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci provo Ford. Ci sto veramente provando :)

      Elimina
  5. Spero che tutto vada al meglio, Frank. Di caos credo che, coi tempi che corrono, tutti noi ne abbiamo un poco, ma spesso è proprio l'occasione mancata per rinnovarsi e rinascere. Spero proprio che sia così per te.
    Ed è bello rileggerti ;)

    RispondiElimina
  6. Le cose non vanno mai come vorresti.
    E nel momento in cui sembra che vadano per il verso giusto ci si chiede subito "dov'è la fregatura?". O almeno, questo è quello che faccio io.
    In bocca al lupo per qualunque cosa, Frank.

    RispondiElimina
  7. Giassòchegiàssaiche.
    Chettelodicoaffare .

    #daje

    RispondiElimina

... e tu, cosa ne pensi?

Potrebbe interessarvi anche questo?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...