It Follows, le buone idee e i soliti problemi


Era da molto che non mi dedicavo alla visione di una novità cinematografica. Novità per modo di dire, che ormai per me sono nuove anche certe pellicole uscite tra la fine del vecchio e l'inizio del nuovo (2015) anno. Eppure, dicevo, era da mesi che non lo facevo: mettermi a guardare un film "nuovo", magari un horror, alla ricerca delle emozioni perdute. In un certo senso per esorcizzare quella malattia che mi porto appresso da ormai più di cinque mesi e cercare il confronto con quei demoni da cui sto fuggendo da troppo tempo. 
Non è un caso quindi che il destino (o il caso) mi abbia portato alla visione di un film come It Follows, di David Robert Mitchell (2014). Un lavoro di cui ho sentito parlare più che bene e che aveva quindi alzato l'asticella delle aspettative ad un certo livello, pur nel tentativo di evitare trama e specificità tecniche della pellicola. "E poi tra gli attori c'è Maika Monroe" ho pensato, "ad alzare l'asticella dovrebbe bastare anche solo lei", e quindi mi sono dedicato alla visione di questo horror che ha fatto urlare al miracolo parecchi blogger e giornalisti di settore. E un motivo c'è sempre, quando qualcuno urla al miracolo... oppure no?

Dopo un incontro sessuale, una giovane donna si ritrova afflitta da una maledizione mortale. (da Wikipedia). 


Ecco, credo che questa frase basti a riassumere la trama di It Follows, un film che non andrebbe mai raccontato. Nessun film, in un certo senso, andrebbe mai raccontato, ma quello di Mitchell in particolare, perché l'esplicazione verbale fa male ad un orrore non tanto visivo quanto suggerito come quello del film in questione. Perché It Follows si basa su un'intuizione straordinaria: caricare l'ordinario di un'attesa (ed ansia) spasmodica fino a che qualunque banalità non diventai raccapricciante all'idea di quel che potrebbe nascondere. Praticamente Mitchell finisce per fare quel che tutti i registi horror contemporanei hanno cercato di fare da un centinaio di film a questa parte: spaventare con l'idea di orrore, quello sottile, invisibile se non agli occhi di chi lo prova. Quella paura che ti spinge a scappar via quando apparentemente non sta succedendo assolutamente nulla. 
Straordinaria intuizione che dà origine alla geniale idea della pellicola, quella di una maledizione trasmissibile "fisicamente", pandemica nel proprio modo di propagarsi, ma soprattutto di un male riconoscibile solo da chi ne è affetto. Praticamente l'incontro perfetto tra l'orrore kinghiano e la sempre attuale paura della malattia. 

Peccato che le idee geniali finiscano qui.


Ma andiamo con ordine: quando ti ritrovi di fronte ai primi fotogrammi di It Follows resti così, con la bocca aperta e gli occhi lucciconi. Perché l'inizio è folgorante, senza preamboli, spietato e lineare. Il silenzio, i suoni, le parole. La morte. Un incipit come non me ne capitavano da un po' di tempo a questa parte. Sarà roba di qualche minuto, poi stop ed ecco che si comincia. 
Siamo più o meno verso la fine degli anni '80, forse all'inizio dei '90. No, ci sono gli ebook, siamo quindi ai giorni nostri. Non si capisce. Non ci vengono dati veri e propri riferimenti, quindi lasciamo perdere le coordinate temporali e concentriamoci su quelle spaziali: sobborghi americani, la classica periferia fatta di prati, siepi e casette, di piscine artigianali nel giardino e auto nel vialetto lavate a mano da giovanotti in canottiera, mentre pudiche ragazze fanno il bagno e gruppetti di amici guardano film in b/n seduti sul divano. L'atmosfera è quella di Stand by Me tagliando per The Girl Next Door eppure, visto il genere, dovrei parlare di John Carpenter e del suo Halloween senza dimenticare di citare Wes Craven e Nightmare. Perché anche in questo caso vere coordinate di tempo non ce ne sono e Mitchell si ispira a quelli che hanno fatto la storia dello slasher moderno. Senza copiare, anzi, facendo sua una lezione iniziata negli anni '70 che raggiunse il suo apice negli anni '80. Solo che 'sto ragazzo di anni ne ha circa una quarantina e sicuramente ha vissuto tutta l'epoca del teen horror slasheriano dei So cosa hai fatto, Screem (ancora Craven) e compagnia danzante. E ce li mette in mezzo. Già il quadro comincia a deteriorarsi.


ATTENZIONE; POSSIBILI SPOILER

Eppure, dicevo, l'inizio è fenomenale, lo stile anche e l'idea alla base del film geniale: attraverso il sesso un ragazzo di nome Jeff trasmette alla diciannovenne Jay una maledizione, quella di essere seguita da una presenza multiforme che ha come unico scopo quello di ucciderla. Per questo anche Jay dovrà trasmettere la maledizione a qualcuno che, a sua volta, dovrà farlo con qualcun'altro. Perché la maledizione non solo sembrerebbe lenta e inarrestabile, ma soprattutto retroattiva: ucciso l'attuale portatore va a cercare il precedente e così via. Già questa è una novità interessante, la trasmissione come condivisione della malattia/maledizione, più che altro un modo per allontanare il terrore senza per questo liberarsene. Perché gli affetti/infetti, una volta contaminati, non saranno mai più liberi: solo a loro sarà concesso di vedere la cosa (It) in tutte le sue forme, condividendo se non un destino di morte, per lo meno un destino di terrore. 

Terrore che a quel punto diventa soggettivo anche quando non lo è: l'ordinario che, attraverso il dubbio, il "se", diventa orrore; lo sguardo della camera che si fonde con quello della protagonista o, ancora peggio negli unici momenti di paura vera, con quello dello spettatore che, in questo modo, diviene parte del film. Così dal cinema si passa al metacinema e l'ombra di Michael Myers torna ad aleggiare sulla macchina da presa. 


Poi però succede qualcosa. Qualcosa di brutto. Tutto a un tratto quel che di buono si è visto in It Follows sembra andare nella direzione sbagliata. Perché la parte centrale è un massacro di incongruenze, stupidità e situazioni talmente teen da non essere più smart. Perché i protagonisti, che neanche sono adolescenti, ce la mettono tutta per essere stupidi. Perché predominante diviene la metafora del sesso = morte, perché ancora una volta nel 2015 si arriva a voler esorcizzare la modernità. Ma nel 2015 non si può più essere anni '80 o '90. Nel 2015 non puoi fare il verso a Clive Barker e al suo Candyman, al terrore dell'AIDS e del sessualmente trasmissibile, alla droga e al degrado della città/maturità rispetto alla periferia/fanciullezza. Non puoi mettere dei ragazzi evidentemente stupidi (il riferimento all'Idiota è casuale?) in situazioni idiote e farle passare per poetiche e trovare alla fine una soluzione non adatta al background che ci hai mostrato degli stessi. Ma, soprattutto, non puoi passare per situazioni messe lì così, per chissà quale motivo, o per soluzioni inaccettabili, e poi chiudere con un finale da pelle d'oca, perfetto in quella sospensione che riporta ancora una volta il dubbio negli occhi dello spettatore. Un finale talmente bello che vorresti andare dal regista e abbracciarlo, picchiarlo e poi abbracciarlo ancora. Perché io sono uno di quelli che dei finali si lamenta sempre ma qui siamo dalle parti della perfezione: senza uno spiegone, senza un'inutile parola in più, lasciando che a parlare siano le immagini e lasciando chi guarda con dei dubbi piacevoli e la sensazione che in un apparente happy ending ci sia tutta l'inquietudine di cui era carica la parte iniziale del film. 

FINE SPOILER

Insomma, in It Follows c'è tanto di buono e moltissimo di sbagliato. E io ne consiglio la visione solo ad un pubblico smaliziato. Perché un film del genere può piacere, ma deluderà senz'altro una buona parte di spettatori. Lo ha già fatto, infondo. Ed è un peccato, e io sono fiducioso: David Robert Mitchell è bravo, sa costruire le scene, sa caricarle, non usa i soliti trucchetti e a volte dimostra vera e propria classe. Ah, e Maika Monroe, qui bravissima ma non bellissima e per nulla sexy, si mangia tutto il resto del cast, nonostante a vincere sia l'atmosfera e la costruzione delle scene in una scenografia mai stata tanto ben costruita. 


Commenti

  1. Concordo.
    Un film con buone idee che, a conti fatti, si riduce ad una bolla di sapone.
    Uno dei più sopravvalutati di quest'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: sopravvalutato. Però è un peccato, mi ha fatto persino prendere uno spavento senza trucchetti.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Bah, accettabile più che carino, con un'idea bellissima

      Elimina
  3. METAFORONE del sesso promisquo quale fonte del Male!!! Che bellezza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non proprio in maniera così semplicistica. Piuttosto una riflessione sul diventare contaminati con l'età adulta... bah, il regista ha fatto un po' di casino secondo me.

      Elimina
  4. Direi che ci siamo fotocopiati il parere... solo che tu l'hai espresso meglio XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho letto la tua recensione... lo vado a fare, ma non credo di averla espressa meglio di te :P

      Elimina
  5. Buonissima confezione con dentro il vuoto cosmico. Film parecchio sopravvalutato davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente pensavo di essere l'unico deluso da questo film. Che poi ha un incipit e un finale perfetti... il problema è quel che sta nel mezzo.

      Elimina
  6. Ciao, a me sinceramente It follows è piaciuto non poco. Ne ho parlato anche io se ti va di dare un'occhiata
    https://lacrimenellapioggiablog.wordpress.com/2016/08/28/it-follows-david-robert-mitchell-2014/

    RispondiElimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari