[Poesia] Strade di Periferia


Mi nutro di stanchezza,
la mia energia vitale
dorme nelle vene:
i batteri dell'apatia,
le larve dei farò.
La mia infezione è il passato
che non posso cancellare.

Dipende sempre dalle prospettive,
il piacere diventa dolore,
la felicità buchi neri,
i suoi occhi isole
in cui risiedono i giganti:
mostri troppo alti
con la bocca a forma di O.

Dipende dal tempo
che ti cura e 
che ti incula,
spietato quando è dolce
così perso, in bottiglie di Peroni
vuoto a rendere non reso.

Dipende dal caldo
e dal suo odore 
attaccato alle lenzuola,
dalla puzza di passato
e deodorante da due soldi.

Dipende
dal fatto che
dimenticare fa paura
perché i ricordi sono
l'alcol per anima
ubriaca e nevrotica
ai bordi di altre strade
di periferia.

Commenti

Post più popolari