Neonomicon (di Alan Moore e Jacen Burrows) e una nuova prospettiva dell'orrore cosmico di H. P. Lovecraft


Pollice: su

Domani è il mio compleanno. Sì, non è una notizia da post sul blog e non gliene frega niente a nessuno, ma ovviamente la cosa è relativa: domani è il mio compleanno e io mi farò un regalo. Niente di che, non chissà cosa, semplicemente me la canto e me la festeggio da solo, quasi un brindisi al tempo che passa, in attesa di tempi migliori. E il mio (auto) regalo sarà Providence, di Alan Moore
Bene, se non conoscete Alan Moore ci sono dei problemi alla radice che io di certo non posso risolvere. Ma se non sapete cosa sia Providence ve lo spiego subito: si tratta dell'ultimo fumetto scritto dal bardo, disegnato dall'amico Jacen Burrows e ispirato (e dedicato) al magico mondo di Lovecraft. Insomma, un maxi fumetto horror dedicato/ispirato al lavoro del solitario di Providence (appunto)!

Io ovviamente, lo aspettavo con ansia. Il primo volume italiano è uscito più o meno il mese scorso ma ho dovuto aspettare prima di comprarlo, decidendo di cedere il giorno dell'anniversario della mia nascita. E le aspettative sono a mille. E non vedo l'ora di averlo tra le mani. Chissene se non sarà l'ennesimo capolavoro di Moore, non mi aspetto un nuovo Watchmen o un nuovo V for Vendetta. Soprattutto non mi aspetto chissà che cosa dopo aver letto Neonomicon.


Bene, facciamo un passo indietro e arriviamo all'argomento di oggi, quello vero. Neonomicon, dicevo. Il penultimo lavoro dello scrittore britannico, pubblicato nel 2010 e disegnato sempre dal solito Burrows. Un graphic novel che però non ottenne il successo sperato, letteralmente snobbato da molti fan e fatto a pezzi da chi lo ha letto. Una sorta di delusione dovuta, più che alla qualità dell'opera in se, al fatto che lo stesso Moore aveva ammesso di averla scritta perché "bisognoso di soldi". Non propriamente un'opera su commissione, essendosi dichiarato il bardo da sempre interessato a portare Lovecraft su fumetto, ma scritto perché doveva e non per quell'irrefrenabile bisogno intellettuale/viscerale che lo aveva spinto a scrivere alcuni dei più grandi capolavori del fumetto mondiale. 

Neonomicon però, al di là di ogni delusione, non è un fumetto facile da apprezzare. Chi è riuscito ad andare oltre l'idea di un Moore che per mangiare produce anche quando non ne ha voglia, si è sentito spaesato dal modo in cui l'artista ha fatto suo Lovecraft, i suoi temi e non le sue atmosfere. Perché Neonomicon è spinto verso la depravazione, non lascia nulla all'immaginazione, a volte sembra la rappresentazione delle fantasie perverse di un depravato. Soprattutto, Neonomicon per come è stato scritto, non ha nulla a che fare con il mondo immaginifico di H. P. Lovecraft. Nel senso che sì, ci sono i suoi mostri, c'è l'Altrove, ci sono i suoi misteri e il suo universo alternativo contrapposto/parallelo al nostro, ma non c'è il suo orrore sottocutaneo, cosmico, manca il terrore viscerale, quel qualcosa che sembra essersi liberato dai nostri peggiori incubi e che ha preso forma nelle profondità del mare o nelle distanze siderali dello spazio profondo. Insomma, l'altrove di Moore si è riversato sulla terra ed è fisico, sessuale, appiccicoso, puoi arrivare ad osservarlo, puoi sentirne la voce. L'Altrove di Lovecraft invece potevi solo intuirlo con la coda dell'occhio, arrivava per vie traverse, per sentito dire, per le bocche degli altri, e quando ti toccava (quando toccava i suoi personaggi) allora ecco che l'orrore raggiungeva il suo culmine, diveniva insopportabile e il racconto finiva, poi ne subconscio.

Lo stesso Moore aveva ammesso che il suo intento era quello di dar corpo a ciò che nei racconti di H. P. rimaneva in secondo piano, compresa quella sessualità repressa che lui comunque percepiva. Moore, come al solito, prende qualcosa che già esiste e la rappresenta da una prospettiva diversa, mettendo alla luce quei lati che le ombre ponevano solo in prospettiva. Certo, forse con Neonomicon, cinque anni fa, ha esagerato ma se si legge questo comics non da lovecraftiano puro e duro, allora si rimane sorpresi perché effettivamente Neonomicon è Lovecraft visto da una nuova prospettiva. E può piacere o no ma di certo non si può accusare il bardo di averne tradito l'essenza. 
Resta comunque un lavoro da prendere con le molle, molto forte (ai limiti dello squallido) ma non gratuito, per alcuni insostenibile ma non fine a se stesso. La dimostrazione che il fumetto può divenire tanto esplicito da far male, non solo agli occhi ma anche alla mente.

Neonomicon fu anticipato anni prima da un breve fumetto, Il Cortile, una miniserie in 2 parti di 48 pagine del 2003 scritta da Anthony Johnston e (al solito) disegnata da Jacen Burrows, un adattamento a fumetti di un racconto di Alan Moore del 1994 che, effettivamente, fa da prequel al lavoro pubblicato sette anni dopo. Un fumetto molto parlato, addirittura contorto, per alcuni persino più bello di Neonomicon. Io l'ho trovato assolutamente interessante e indubbiamente più lovecraftiano. Sia Il Cortile che Neonomicon sono stati pubblicati in Italia nello stesso volume prima dalla Bao Publishing in formato ridotto e poi dalla Panini, che ha pubblicato anche Providence, E io non vedo l'ora di leggerlo. Quando lo avrò fatto ne parlerò qui, magari approfondendo anche l'immenso lavoro di uno dei più grandi scrittori dell'orrore mai esistiti: H. P. Lovecraft


Commenti

  1. Il regalo lo fai tu a me!!!! ignoravo la cosa completamente!1 Lovecraft + Alan?? Binomio pazzesco. Vado a picchiare il primario che è l'addetto alle segnalazioni di nona arte.Poi glielo compèro. poi glielo rubo. \m/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con Neonomicon la delusione è dietro l'angolo, di Providence invece ho sentito parlare abbastanza bene

      Elimina
  2. Non lo sapevo, dunque anche io ringrazio.
    Probabilmente recupererò anch'io, che sono un vecchio fan del Maestro.

    E auguri, comunque! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Neonomicon vai con i piedi di piombo, un paio di scene sono porno/al limite del trash ma a me è piaciuto (abbiamo visto così tanti film e alcuni talmente "forti" che sta roba qua davvero ci dovrebbe far ridere).

      Providence, ripeto, invece sta facendo parlare bene di se.

      Grazie per gli auguri futuri :D

      Elimina
  3. E' in wishlist insieme ad Il Cortile e Providence.
    Presto o tardi saranno miei.
    Per ora ti invidio. :-P
    Buon Compleanno. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cortile lo rovi nello stesso volume di Neonomicon...

      Oh, guardate che porta sfiga fare gli auguri in anticipo :P (grazie :) )

      Elimina
  4. Caro, ho conosciuto e apprezzato Moore da qualche anno, ritenendolo un vero genio della narrativa a fumetti dopo aver letto la folgorante Promethea e la sua parte del Mostro della laguna. Non ci sono cazzi proprio, siamo a livelli di ricerca "altri". Neonomicon è lì nel carrello di ebay e amazon da un botto di tempo, in attesa del momento giusto per approcciarsi visto che, per quanto riguarda il sottoscritto, Neonomicon potrebbe essere un ulteriore passo verso la Folgorazione Fumettistica Assoluta. Non ne ho letto molto in merito, preferisco sempre leggere dopo aver provato le cose, che sian film, libri, fumetti poco cambia. Oggi però leggo il tuo post, solo perchè conosco e condivido un bel pezzo di direzioni e peregirnazioni cinematografiche che riporti qui, sei insomma una "vecchia conoscenza" della blogosfera, e mi scende un po' la libido. Però, se la critica possibile al lavoro del maestro è il discostarsi dall'originale lovecraftiano a me importa poco, perchè mi piacciono molto le contaminazioni e le interpretazioni, specialmente quelle di gente come Moore, per quello proprio non c'è problema.
    La questione della discesa nel Buio più sordido, invece, è penso un altro paio di maniche, e appunto in questo senso vale l'attesa del giusto momento per avvicinare Neonomicon, per non esserne travolti e/o disgustati.
    Per Providence mi raccomando facci sapere, intanto buon compleanno per domani e buona lettura!

    RispondiElimina
  5. ps non c'entra, ma tu hai visto p'tit quinquin?

    RispondiElimina
  6. Ah, è uscito Providence in italiano, finalmente!
    Neonomicon a me era piaciuto molto, era una storia forte e depravata ma intelligente e mai gratuita, come lo è sempre ogni cosa di Moore.
    Buon compleanno in ritardo :-)

    RispondiElimina
  7. Sembra parecchio interessante, non sapevo che ci fosse in circolazione questa nuova opera di Alan Moore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neonomicon ormai è persino vecchiotto, mentre Providence (in Italia) è una novità e, dopo averlo letto, posso solo dire che aspetto trepidante i prossimi volumi!

      Elimina

Posta un commento

... e tu, cosa ne pensi?

Post più popolari