09 marzo 2016

Regression (di Alejandro Amenábar, 2015)


Per la serie "film bistrattati un po' da chiunque", pure dal paninaro sotto casa che di thriller ne ha visti quattro, ecco che anche io finalmente sono riuscito a guardare Regression, film del 2015 diretto dal cileno Alejandro Amenábar, quello di Apri gli Occhi e The Others (per capirci).
Un film che i più hanno definito mediocre, privo di mordente, fiacco. E che invece io ho trovato interessantissimo, se non per il thriller in se, per le riflessioni che si porta appresso e per alcune trovate visive costruite con la suspance, senza l'utilizzo di effetti speciali, tagliate con l'accetta.

Siamo nell'America rurale degli anni '90, in cui imperversa lo spauracchio delle sette sataniche e dei culti sacrificali, dei riti orgiastici, dei crimini a sfondo religioso. In questa America si muove il detective Bruce Kenner, alle prese con un caso di abusi: il meccanico John Gray si autoaccusa per le violenze perpetuate ai danni di sua figlia Angela, nonostante ammetta di non ricordarsi nulla. Attraverso la tecnica della "regressione ipnotica", il dipartimento della polizia locale arriva alla conclusione che tutto sia opera di una setta satanica.

Regression è un film totalmente basato sul "dubbio". Il dubbio che tutto quello che i personaggi dicono, pensano, vedono, sia vero, il dubbio che le cose precipiteranno all'improvviso oppure no, il dubbio che la provincia americana è tutta piena di segrete, che chiunque ne abbia, un po' in stile Twin Peaks che è il telefilm per antonomasia degli anni '90. E in quegli anni ci immergiamo, per forza di cose: l'ambientazione è quella giusta, la tecnologia anche, la psicologia pure e infatti dopo gli anni '90 la regressione ipnotica è stata screditata, una tecnica che non apre la strada verso le memorie rimosse ma che permette alla mente umana di fare quel che sa fare meglio: costruirsi le proprie verità. Ma all'epoca non lo sapevano, da qui il "dubbio" di cui ho detto all'inizio. Ed il dubbio non fa bene quando si tratta di crimini, polizia, processi, poiché quando vieni arrestato e dichiarato colpevole, lo devi essere al di là di ogni ragionevole... dubbio!


Il film, che di base è questo, ovvero un enorme indagine dentro se stessi piuttosto che accumulo di indizi e tracce da seguire, si muove alla perfezione in un territorio come quello di cui sopra, lasciando un detective tutto lavoro e abnegazione alle prese con il proprio lato oscuro, con le proprie paure e il terrore che tutto quello che sta scoprendo, che i personaggi raccontano durante la regressione, sia vero. Perché Bruce ha paura e dalla sua paura scaturisce l'ansia dello spettatore. Tutto il resto, la detective story in se, il meccanismo a sorpresa che porta al colpo di scena finale, è trucco e parrucco. Ce lo fa capire il regista stesso, questo Amenabar che sembra voglia riportare tutto al suo passato glorioso ma che quel passato glorioso lo prende in giro. Perché è inutile voler pensare il contrario: lui ce lo mostra chiaro e tondo come stanno le cose, ci fa capire il meccanismo del suo film più o meno verso la metà della pellicola, con una scena che non lascia spazio all'interpretazione. Perché per costruire il dubbio bisogna partire dalla verità: se le cose stanno in una data maniera, perché poi alcune cose ci fanno pensare che stiano diversamente?


Alla fin fine Regression, come spiega il titolo stesso, non vuole parlare di satanismo, sette e quant'altro. Non vuole essere un horror ma una riflessione sulla mente umana, che in questo caso è la mente del detective Kenner, della sua capacità di adattamento, dei suoi limiti e della sua grande potenza. Della capacità di convincimento e coinvolgimento che certe menti hanno sulle altre e di come sia facile, per noi "umani", perdere il bandolo della matassa e farci persuadere. Solo visto in quest'ottica, secondo me, Regression può acquisire valore e non perderlo.
Dal punto di vista poi puramente tecnico, c'è poco da recriminare: la regia è perfetta e gli attori sono in parte, Ethan Hawke sembra essere diventato bravo con l'età anche se gigioneggia un po' troppo e Emma Watson continua a fare del suo sex appeal un'arma, dell'ambiguità una forza, soprattutto se la fai diavolo e poi la mascheri da angelo. 

Ma alla fine, com'è questo film? A me è piaciuto ma non sono ancora convinto che tutte le critiche che ha ricevuto siano infondate. Come al solito, dipende dal punto di vista con cui lo guardi e dalla mente umana. La mia si è lasciata persuadere.

16 commenti:

  1. OH..m'hai convinto.L'ho do in pasto a Dolcetessò.


    Poi te la senti te, neh ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, io non voglio responsabilità, l'ho scritto che le critiche ci stanno tutte :P

      Elimina
  2. Comprendo il tuo punto di vista, ma io (che tra l'altro l'ho visto giusto ieri) sono purtroppo tra chi non l'ha apprezzato. Si regge, oltre che sul dubbio, sul concetto di fede, no? Sul crederci. E io, sarà per quella Watson cane cane cane, non ci ho creduto. Il buon Alejandro, però, era nei dettagli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però sai, alla fine SPOILER si vede che Amenabar vuole subito far capire come stanno le cose. La conversazione in auto tra i due poliziotti praticamente all'inizio del film, la scena della telefonata dalla cabina. Alla fine non è che il regista ci ha nascosto niente, e sapendo già come stanno le cose si prova un gusto quasi "scientifico" a seguire il film

      Elimina
    2. Ma allora cosa ho visto? Che l'ha fatto a fare?
      Dove lo colloco un mistery-non mistery? Ho apprezzato le piogge perenni, la nebbia, l'accigliato Hawke. Meno le smorfie della bella Emma, che penso sia allieva della stessa scuola di Keira Knightley... e di Barbara D'Urso. Insomma, riconosco che il film ha i suoi piccoli meriti, ma non so dove collocarlo, ecco. :)

      Elimina
    3. Per me è un thriller psicologico con molte pecche ma intuizioni decisamente interessanti. Poi non lo so, magari mi sono solo autoconvinto di questo :P

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Chissà perché ma sono dubbioso, ti farò sapere quando lo vedrò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene ad esserlo, alla fin fine io mi sono astenuto dal dare un giudizio, nonostante a me sia piaciuto

      Elimina
  5. Non mi ispira per nulla, dunque mi sa che per il momento me ne terrò alla larga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me ne sono tenuto alla larga per mesi , quindi ti capisco.... ma quando ti capita, prova a dargli un'occasione

      Elimina
  6. Visto ieri sera. Un film piuttosto inutile, ma non mi ha fatto schifo, anzi. Ci fanno sudare un nudo di Emma Watson da Gennaio 2015 con notizie e rumors e poi peró non si é nemmeno siciri che sia lei??? CAZZO IO LA VOGLIO VEDERE NUDA!!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaah, non penso proprio che fosse roba sua ;)

      Elimina
    2. Se fosse lei... notevole :P

      Elimina
  7. Me lo sono perso, ma non è un recupero che ritengo fondamentale, anche se mi incuriosisce.
    Sì, in parte anche per il nudo di Emma...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nudo di Emma... non sono sicuro sia di Emma, quindi non lo riterrei motivazionale :P

      Elimina

... e tu, cosa ne pensi?

Potrebbe interessarvi anche questo?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...