13 luglio 2016

Chiuso per lutto


Questa mattina niente post del mercoledì. Questi sono giorni di lutto, quindi cerco anche io il mio modo per rispettarlo, per stare vicino alle vittime, ai parenti delle vittime (alcuni potranno procedere con i riconoscimenti solo oggi) e a tutti i miei conterranei. Il lutto per una tragedia che ritengo impensabile nel 2016. Due treni che corrono sullo stesso binario, in direzioni opposte. Che per un errore umano si scontrano. Una distrazione forse, un semaforo non rispettato. Quante volte, in situazioni del genere, non mi sono curato potesse succedere? Perché non ci vai a pensare. Non credi che, nel futuro in cui ci troviamo, una cosa del genere possa accadere. Ma poi accade e il risultato sono tanti morti e tanti feriti. Tanto dolore e ulivi insanguinati.

Quindi, almeno per oggi, Combinazione Casuale rispetterà un lutto. Il lutto della mia terra, la Puglia.

Ah, un bel vaffanculo alle merde che sono riuscite a ridere di una tragedia facendo ancora una volta del razzismo tra nord e sud. Eccerto, qualche terrone in meno fa sempre piacere, no? Sì, andatevene a fanculo. Posso capire quelli che se ne sono sbattuti (post interminabili per altre tragedie e per questa il mutismo, ma vabbè), ma non quelli che hanno colto l'ennesima occasione per promuovere l'odio. Non ne rimango neanche sconvolto, ne rimango solo disgustato. 

A rileggerci domani o venerdì. 

6 commenti:

  1. Non si hanno parole, davvero.
    Io sto leggermente più su di se, ma ho mia mamma che vive in Puglia (e una famiglia scombinata), quindi ho abbastanza familiarità con questa tratta, purtroppo.

    RispondiElimina
  2. Anch'io oggi ho deciso di fare la stessa cosa, è giusto e doveroso nei confronti della nostra amatissima Terra :(

    RispondiElimina
  3. Nella ricchissima Lombardia in cui vivo i paesi più piccoli sono tutti a binario unico. Come è successo in quella Puglia che tanto amo da lontano poteva succedere qui. Non esiste distinzione, solo tanto dolore, e chiunque affermi il contrario non merita alcuna considerazione.

    RispondiElimina
  4. credo che non ci sia molto da dire...una tragedia immensa, immane,che sarebbe potuta succedere in tante altre parti d'Italia e chi ci ironizza sopra non merita nemmeno un insulto...

    RispondiElimina
  5. Capisco quello che provi...
    11 anni fa mi trovavo in uno di quei treni che si è scontrato a Roccasecca. Per fortuna non mi sono fatto niente, ma è stata una giornata terribile. Mi veniva da pensare: perchè ho avuto la fortuna di non farmi niente, mentre gli altri si sono fatti davvero male?
    Sono situazioni davvero tremende...

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per i commenti. Ovviamente non c'è un attimo di respiro, oramai le tragedie si susseguono, che si tratti di disastri naturali, terrorismo o disastri come quello ferroviario che mi ha colpito più da vicino (territorialmente e psicologicamente). Un abbraccio a tutti!

    RispondiElimina

... e tu, cosa ne pensi?

Potrebbe interessarvi anche questo?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...