Vita (Poesia)


E fuori zittiscono le urla.
Intanto sento piangere
e i cani latrare
come drogati in crisi d'astinenza.

Le auto schiaffeggiano la notte,
una vecchia signora vestita d'asfalto.
Le mie mani chiederanno scusa,
domani,
accarezzando i marciapiedi e i palazzi
fissi come gargoyle,
illuminati come angeli
in una città di soffi e ombre.

Ho amato troppo
ho bevuto troppo
non ho mai fatto a botte.

E' triste, ma la vita
non sempre è come ce la si aspetta.

Commenti

Post popolari in questo blog

6 racconti creepypasta che non vi faranno dormire la notte

Top 5: le Creepypasta (o leggende web) più inquietanti

Notte Horror 2018: La Chiesa (di Michele Soavi, 1989)

Breaking Bad - Recensione e curiosità di una serie già cult

[Recensione] Il Fuoco della Vendetta - Out of the Furnace (di Scott Cooper, 2013)