Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

Una nuova classifica nerd: i 10 super-criminali più fighi di sempre.

Immagine
Se la scorsa settimana ho parlato dei 10 supereroi che preferisco, questa volta vorrei affrontare con voi una classifica sicuramente più interessante. Perché è vero, i supereroi sono (quasi sempre) i buoni, ma sono (quasi sempre) i cattivi quelli davvero interessanti. Super-criminali o, più semplicemente, villains. Che poi, soprattutto con i personaggi meglio riusciti e più sfaccettati, il confine tra bene e male non è mai così lampante. Quindi, come la volta scorsa, questa è una classifica prettamente personale e basata su personaggi di serie regolari (non miniserie o graphic novel, quindi) altrimenti 10 posti sarebbero troppo pochi. Pronti? Si parte:

Demoni (di Lamberto Bava, 1985)

Immagine
Lunedì ho parlato di un horror del decennio passato, oggi volgiamo lo sguardo verso un passato meno recente: gli anni '80. Esattamente siamo nel 1985, durante quel che potremmo definire l'inizio della fine. Per l'horror italiano da quel periodo in poi sarebbe stato tutto un percorso in salita e gli anni '90 sarebbero stati la pietra tombale su un genere particolarmente "fortunato". Tutti conoscono Mario Bava e l'importanza che ebbe questo regista tanto per il cinema di genere italiano quanto per il cinema mondiale, anche non di genere. Tutti, allo stesso modo, sanno che suo figlio Lamberto non è mai stato all'altezza del nome paterno. Eppure anche Lamberto Bava ha vissuto i suoi momenti di gloria, prima a fianco di suo padre, poi a quello di Dario Argento. Soprattutto la collaborazione con Argento permise a Bava Junior di girare quello che ad oggi è considerato il suo "capolavoro": Demoni.
Berlino: nel cinema Metropolitan viene proiettata la…

Richard Matheson (1926 - 2013)

Immagine
Di solito non scrivo necrologi su questo blog. Perché non mi piace, non perché non mi interessa. Ma oggi mi sono svegliato con una di quelle notizie che ti rovinano la giornata: è morto Richard Matheson.  Non mi metterò a sciorinare dati, date o nomi di opere. Chi non conosce Matheson non dovrebbe nemmeno essere qui, non capisco perché stia leggendo queste righe.  Io ho conosciuto questo grande scrittore durante gli anni dell'università, quando un amico mi passò la sua copia di Io Sono Leggenda. Fu come un fulmine che mi attraversò la mente, fu un'illuminazione. Fu amore. Saranno passati una decina d'anni da quel momento: leggere quel romanzo fu come il primo bacio e il primo bacio, si sa, spesso è solo un inizio. Io non l'ho mai dimenticato.
Matheson ha scritto più di chiunque altro, ha lavorato a tante sceneggiature da non poter essere elencate ed è stato l'autore di romanzi e racconti brevi saccheggiati dall'Hollywood che conta. Richard Matheson è stato ciò…

Bad Brains (di Ivan Zuccon, 2006)

Immagine
Trovo inaccettabile che, per reperire un film italiano di genere, ci si debba rivolgere al mercato straniero. Questo vale tanto per opere "storiche" quanto per i film di registi contemporanei. Trovo inaccettabile, ad esempio, che anni fa per avere il dvd di Bad Brains di Ivan Zuccon mi sia dovuto rivolgere al mercato tedesco, ma tant'è! Di Zuccon ho parlato quando recensii La Casa Sfuggita. Bad Brains è il quarto lavoro del regista ferrarese, uscito nel 2006 e prodotto da Emanuele Cerquiglini (assieme a Valerio Zuccon e il regista stesso), che trasformò in un lungometraggio quel che era nato come corto (basato sul racconto Just Before Delirium di Enrico Saletti).
Alice e Davide sono due killer seriali. Sorella e fratello ma allo stesso tempo amanti, rapiscono, seviziano e uccidono le loro vittime sotto l'occhio muto di una telecamera per poi cercare qualcosa all'interno dei loro corpi. Un giorno però il misterioso Mirco irrompe nella loro casa affermando di esser…

Una classifica nerd: I 10 supereroi più fighi di sempre

Immagine
Oggi ho voglia di scrivere un post molto nerd. Sì, nerd, perché no. Il tutto è scaturito dall'uscita nei cinema del film L'Uomo d'Acciaio, il nuovo di Zac Snyder su Superman che sicuramente si rivelerà per la grande vaccata che è. E da qui una riflessione: fare film su Superman non è facile. Come potrebbe essere il contrario? Un culturista in calzamaglia con un mantello rosso acceso che vola e spara raggi laser dagli occhi? Massù, non prendiamoci sul serio. Poi mi sono reso conto che, effettivamente, il problema non è Superman in se ma il punto di vista da cui viene raccontato. Ad esempio, insistere sul lato action non potrà mai far giustizia ad un personaggio estremamente più complesso, non lo potrà mai fare concentrarsi sull'eroe tralasciando la sua vera maschera: Clark Kent. E' la filosofia alla base dell'uomo (anzi, dell'alieno) ad essere interessante, non quella dell'eroe. Superman ha una caratteristica che lo rende gestibile sempre nel modo sbagl…

L'Esorcista (di William Friedkin, 1973)

Immagine
Mi trovo per la prima volta davvero senza parole. E' questo il motivo principale per cui non ho mai voluto parlare di questo film: mi mancano le parole. Si tratta di un rapporto di amore ed odio quello che mi lega a L'Esorcista. Un film talmente importante da esser entrato a far parte del National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Era il 2010, dieci anni dopo l'uscita della famosa visione integrale, trentasette anni dopo l'uscita ufficiale nei cinema.  Il cinema, ecco. Avere la possibilità di guardare L'Esorcista al cinema è "l'esperienza". E' la donna con cui vai a letto per amore e riscopri aldilà dell'abitudine. Ieri quindi, nel buio della sala, col surround che ti esplode attorno in urla demoniache e musiche che ancora dopo tanto tempo mettono i brividi, è stato un po' come innamorarsi ancora.
Non sono uno che considera L'Esorcista un capolavoro. Non credo nemmeno si tratti del film più spaventoso di …

Doctor Who - Settima Stagione

Immagine
Attenzione: non ci sono spoiler nel post ma riferimenti al futuro della serie che potrebbero dar fastidio a chi preferisce l'assoluta assenza di anticipazioni.
Questa primavera si sono concluse due stagioni delle tre serie che seguo regolarmente. Di una ho già parlato qualche post più giù mentre mi sembra scontato ricordare quale sia la seconda: Doctor Who. Doctor Who è una serie strana. Lunga, lunghissima, che si ripete continuamente, stagione dopo stagione, ma non annoia mai. E' una specie di miracolo: la struttura è sempre la stessa ma ogni volta si assiste a qualcosa di nuovo. Ecco. Una manciata di mesi fa anche la settima stagione è giunta al termine e io mi sono convinto - anche grazie ad un finale di quelli che riescono a farti venire brividi e occhi lucidi - che sia stata tra le più belle dal 2005 (anno del nuovo inizio) ad oggi. Ma perché?

Daisy Diamond (di Simon Staho, 2007)

Immagine
Ancora una volta Silly

DAISY DIAMOND (Dedicato a Robbè)
Nel 2007 escì un film danese dell’esordiente Simon Staho, con protagonista Noomi Rapace. La Rapace diventò poi celebre per la trilogia svedese di Millenium, di cui non mi frega tanto debbo dire la verità, poiché del primo capitolo ho preferito nettamente la versione americana. Questo solo per dire che la Rapace è un’attrice straordinaria e che in questo Daisy Diamond la sua performance è sbalorditiva ed il film stesso è di una potenza violentissima. Un film che ha avuto da noi una distribuzione, manco a dirlo, inesistente e questo scandaloso atteggiamento idiota verso opere complesse, indigeste e spesso semplicemente bellissime, continua a farmi incazzare come una pantera. Ma perché io, spettatrice che ama il cinema nelle sue varie sfaccettature, devo scoprire dell’esistenza di questo gioiello grazie ad un amico che ci è inciampato per caso? 
Ma ora veniamo al film. Anna (Noomi Rapace) è una ragazza madre che, dalla Svezia, si tra…

The Bay (di Barry Levinson, 2013)

Immagine
Attenzione: il post può contenere spoiler.

Una delle cose che mi fa più paura è l'invisibile. Quello che non posso vedere mi terrorizza. Odio l'idea di essere preso alla sprovvista e soprattutto quella di non potermi difendere. I microrganismi mi disturbano, l'idea che esistano batteri, virus e tumori mi mette ansia. E poi ci sono gli insetti. Quelli mi fanno venire la pelle d'oca, soprattutto da quando ho letto che sono in grado di fare il nido un po' dappertutto: nell'incasso di una finestra, nello sportello di una macchina, nell'imbottitura di un letto o, ancora peggio, nel corpo di un essere umano.  Ora, fatta questa premessa, non so nemmeno io perché sono andato al cinema a vedere un film come The Bay. Secondo il buon senso me ne sarei dovuto rimanere a casa e guardare un cartone animato. Ma a quanto pare di buon senso ne ho poco e sono pure masochista. Anche se io preferisco definirmi semplicemente "curioso".
Ero curioso, ad esempio, di gua…

Game of Thrones - Terza Stagione (2013)

Immagine
Nota Bene: non ci sono spoiler ma si potrebbe intuire qualcosa dalla lettura di questo post. se non avete ancora visto la stagione pensateci bene se leggere o meno.

Ed ecco che Domenica scorsa si è conclusa la terza stagione di Game of Thrones. Ovviamente parlo della programmazione made in U.S.A., che qui da noi chissà quando la vedremo in chiaro. Anzi, forse dovremmo chiederci "se" la vedremo in chiaro, vista la reazione dell'AIART (Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Televisione) che ha chiesto la sospensione della messa in onda. Ma si sa, la violenza, il sesso e il fantasy danno fastidio nel nostro paesino bigotto.  Ma tralasciamo questo argomento e concentriamoci sulla stagione appena conclusa. Della prima e della seconda ne ho parlato qui mettendo in evidenza tutti i pregi di una serie che è già diventata cult, un fenomeno che è riuscito a coinvolgere tante tipologie diverse di spettatori arrivando a livelli di hype che non vedevamo dai tempi di Lost o di Sopr…

Drag me to Hell (di S. Raimi, 2009)

Immagine
L'horror non dovrebbe far ridere. Almeno, non avrebbe dovuto. Eppure quando Sam Raimi se ne venne fuori con La Casa II e poi con L'Armata delle Tenebre, ci fu un sostranziale cambiamento in questa prospettiva. L'horror divenne grottesco e, in seguito, ironico. Si incominciò quindi a fondere lo spavento con la risata. Quando nel 2009 si seppe del ritorno di Raimi alle origini, tutti credettero che quel ritorno sarebbe stato alle atmosfere malsane del primo The Evil Dead ma io sapevo non sarebbe stato così. Sapevo che ormai la strada era tracciata e che se il buon Sam fosse mai tornato all'horror lo avrebbe fatto rimettendo quel grottesco e quell'ironia fumettosa che lo aveva reso grande e "diverso". Così è stato ed è probabilmente questo uno dei motivi per cui Drag me to Hell non è piaciuto quasi a nessuno.
Christine Brown (una bella Alison Lohman) è un'impiegata di banca che spinta dal desiderio di far carriera e bella figura con il capo, rifiuta di c…

Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento (di H. Yonebayash, 2010)

Immagine
Per l'angolo di Silly questa settimana un post dedicato a un anime. Sapete quanto ami l'animazione giapponese e questo post è scritto col cuore. A voi, quindi...
ARRIETTY-IL MONDO SEGRETO SOTTO IL PAVIMENTO

Quello splendido essere umano che porta il nome di Hayao Miyazaki scrive la sceneggiatura ispirata a The Borrowers, una serie di racconti fantasy dell’autrice inglese Mary Norton. Consegna la regia a un suo collaboratore dello Studio Ghibli, Hiromasa Yonebayash e quel che ne viene fuori è una delizia per gli occhi e per l’anima.
Protagonista è una famiglia alta poco più di 10 cm che vive sotto le assi del pavimento "prendendo in prestito" dalle case oggetti di uso comune. Ma un giorno la piccolissima quattordicenne Arrietty incontra casualmente il giovane Sho, l'umano che è andato a trascorrere la convalescenza nella casa dell'anziana nonna, e tra i due giovani scoppia la scintilla, nonostante le diverse dimensioni sembrino rendere impossibile il loro amor…

Johnny Depp Day: La Vera Storia di Jack lo Squartatore (dei fratelliHughes, 2001)

Immagine
Compleanni come se piovessero qui, su Combinazione Casuale. Nemmeno il tempo di archiviare quello di zio Clint che già arriva quello di un altro grande, meno grande ma pur sempre grande: Johnny Depp. Sono 50, gli anni di Johnny. Non sembrano, ma sono quelli. Uno dei più grandi attori della sua generazione che però, anche a causa delle scelte infelici dei registi con cui ha lavorato (soprattutto quelle di sua moglie Tim Burton), si è un po' spento negli anni recenti, quasi intrappolato nei panni di personaggi diversi eppure sempre uguali. Ma fa nulla, il nostro ci ha regalato tante di quelle interpretazioni indimenticabili che gli si perdona tutto. E per festeggiare questo Johnny Depp Day oggi vi parlerò di un film ahimè sottovalutato: La Vera Storia di Jack lo Squartatore.

1888: Mary Kelly e le sue colleghe prostitute vivono in uno dei quartieri londinesi più malfamati: Whitwchapel. Saranno loro le vittime di uno spietato serial killer, il più famoso e inafferrabile della storia i…

Solo Dio Perdona (di N. Refn, 2013)

Immagine
Prima di andare a guardare Solo Dio Perdona (Only God Forgives, finalmente un titolo italiano che traduce quello originale) ne ho letto un po' in giro. Non perché avessi dubbi sull'andare a vederlo o meno ma perché volevo capire cosa ha spinto tutti - e dico tutti - a dividersi fin dalla presentazione a Cannes 2013. Perché sono veramente poche le mezze misure su sto film: o si ama o si odia. La maggior parte degli spettatori lo ha odiato e io capisco veramente il perché, lo comprendo: la maggior parte degli spettatori non ha la più pallida idea di chi sia Nicolas Refn. O meglio, non l'aveva. Nicolas Refn non è Drive. Nicolas Refn è anche Drive. Nicolas Refn è tutta la sua filmografia a partire da quel primo e sconosciuto Pusher di tanti anni fa.  Solo Dio Perdona è un film scritto prima del famigerato Drive ma girato dopo, una pellicola che quindi è difficile collocare, molto più vicina a un Pusher, un Valhalla Rising o a un Bronson che al film del 2012. 
Anzi, permettetem…

La Casa (di Fede Alvarez, 2013)

Immagine
Chi mi segue da un po' lo sa, io non sono un fan dei remake. Non che non mi piacciano, semplicemente non mi interessano: il più delle volte è come guardare tante volte lo stesso film, solo sempre più brutto e meno divertente. Però partire prevenuti (cosa impossibile da evitare, soprattutto quando si è dotati di gusto) è una cosa che trovo intellettualmente sbagliata, quindi i remake io li guardo e continuerò a guardarli. Guardare il remake de La Casa mi ha portato a diverse riflessioni. E quando un film ti fa riflettere, è riuscito in partenza, o almeno io la penso così. Ho riflettutto più che sul remake in se sui gusti dello spettatore medio contemporaneo. Mi spiego meglio: La Casa di Sam Raimi, l'originale, è un supercult del cinema horror. Però quando fu girato - credo fosse diretto a quel pubblico verso cui è stato indirizzato il suo remake anno 2013, più di trent'anni dopo. Era così per quasi tutto il cinema horror dagli anni '70 ai '90, con l'unica diffe…

Mirror, Mirror (di Tarsem Singh, 2012)

Immagine
Nuovo appuntamento con l'Angolo di Silly:


Titolo originale Mirror, Mirror (decisamente più adatto, ma delle traduzioni made in Italy banalotte e spesso inadeguate ci abbiamo fatto il callo), è un film del 2012 del regista indiano Tarsem Singh (ricordate The Cell?). Costui sceglie di rivisitare la celebre fiaba dei supremi fratelli Grimm in chiave ironica, con spunti attuali (come la Regina in bancarotta che aumenta le tasse), mantenendo uno stile fiabesco e carico di colori esplosivi La trama è questa: La malvagia Regina (Julia Roberts) vuole liberarsi della neo diciottenne Biancaneve (Lily Collins), non solo per via della sua  fresca e giovane bellezza, ma perché minaccia la sua possibile unione col bel Principe Alcott (Armie Hammer). Unione che le consentirebbe di tornare al top della ricchezza. Ordina perciò al servo Brighton (Nathan Lane) di ucciderla nella foresta. Lui non ne ha il coraggio e finge di averlo fatto, portando alla regina fegato e cuore di un animale. Nel fratte…