Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

Meniamo le mani 2: Last Action Hero (di John McTiernan, 1993)

Immagine
Per la serie "Meniamo le Mani" ecco il secondo appuntamento dei blogger che contano (?) sull'argomento mazzate e botte da orbi. Quei film che a me piacciono tanto - e non solo a me a quanto pare - parte di un genere che sembrava morto e sepolto... finché i soliti noti (Stallone, Schwarzenegger) non sono tornati in pista riproponendo un tipo di cinema che, col finire degli anni '90, tutti avevano dato per defunto. La domanda che trovo essenziale porsi, però, è questa: che tipo di cinema era davvero quello lì? Interrogativo essenziale per iniziare una riflessione seria su prodotti "di genere" che acchiappavano tanto, vendevano molto ma venivano considerati alla stregua di vera e propria spazzatura (chi più, chi meno). Perché, alla fine, di serio in quei prodotti c'era veramente poco ma, a quanto pare, i maggiori rappresentanti del genere venivano continuamente accusati di prendersi troppo sul serio. Un controsenso apparente ma, appunto, solo apparente, p…

[Recensione] Necropolis - La Città dei Morti (di John Erick Dowdle, 2014)

Immagine
PREMESSA
Dante è Dante è se le cose stanno così un motivo ci sarà. Perché, a volerla mettere in termini semplicistici, tagliando e incollando, arrivando a fare i sempliciotti che sintetizzano e si ostinano a vedere le cose da una prospettiva stretta (ma in un certo senso persino più concreta), Dante Alighieri ha scritto il primo vero capolavoro horror della storia. Forse l'unico, a conti fatti. Perché nella Divina Commedia ci sono tutti gli ingredienti giusti tra mostri, demoni, torture, fantasmi (?) e persino una certa dose di splatter. Dannazione e salvezza, rinascita e perdita, redenzione e oblio, storia e leggenda, politica e intrattenimento. Ed era il 1300, ed era un poema in volgare e la sicurezza (a posteriori) che niente sarebbe stato più lo stesso. 
Per questo è altri mille motivi Dante e la sua Commedia sono stati saccheggiati a oltranza, spesso senza cognizione di causa, da cinema e altra letteratura. Tra l'altro me lo aspetto - me lo sono sempre aspettato - un rifac…

[Recensione] Mud (di Jeff Nichols, 2012)

Immagine
Il cinema indie. A volte ne parlano ("loro" che parliamo di cinema) ma non è facile giungere alle conclusioni e arrivare, finalmente, a definire cosa sia. Indie. Indi come indipendente, ovvio, ma se prima "indipendente" voleva dire semplicemente slegato da certe politiche aziendali o dalle major, adesso (da qualche anno a questa parte) quella indie è diventata un'attitudine che il cinema mainstream sta assorbendo suo malgrado.  Pochi mezzi e tante idee. Spesso la possibilità di tradurre quelle idee in un film senza venire osteggiati o sviliti da chi mira soprattutto (e giustamente) al guadagno. Alla fine di questo si tratta: ottenere una libertà che "l'industria" non può concedere perché libertà può voler dire "rischio" e i rischi, quando ci sono i soldi di mezzo, sono difficili da prendere. Ma l'arte (anche se bisognerebbe usare questa parola col contagocce) merita di meglio, a volte. L'espressione umana lo merita di certo. 
Il…

[Recensione] Il Fuoco della Vendetta - Out of the Furnace (di Scott Cooper, 2013)

Immagine
Basterebbero solo alcune scene per inquadrare un film come Il Fuoco della Vendetta - Out of the Furnace. Per raccontarlo. Come, ad esempio, il violentissimo incipit oppure quella in cui il regista Scott Cooper racconta parallelamente un viaggio in macchina dei fratelli Blaze, quello di Russel verso una battuta di caccia al cervo e quello di Rodney verso un incontro illegale di lotta. Nel farlo attraversano entrambi i boschi, ognuno in compagnia della propria figura paterna adottiva, e finiscono per scoprire la stessa cosa da due punti di vista completamente differenti: il primo la vita sotto forma di un cervo che decide di non uccidere, il secondo la morte. Ma non si tratta dell'unica scena on the road del film. Anzi, per meglio dire i destini dei personaggi (protagonisti) di questo film sembrano decidersi proprio on the road, quasi ci fosse un significato nascosto celato da queste strade della provincia americana. Il significato della vita stessa. 
Dicevo, bastano poche scene pe…