Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

Si ritorna, a piccoli passi!

Immagine
Ed eccomi qua, a scrivere ancora dopo tanto tempo, che alla fine questo blog rimane il mio vero grande impulso alla scrittura, qualcosa che ultimamente latita e lo fa non per improvvisa mancanza di passione ma perché sto vivendo un periodo che non mi concede aperture verso l'esterno. Credo lo si sia intuito dal mio post di Sabato scorso: è un momento difficile e necessito di tempo e pazienza per superarlo. Questo significa che ricominciare a scrivere necessiterà di un periodo di "rodaggio", periodo in cui non sarò costantemente presente ma, in un modo o nell'altro, in cui ci sarò, magari con qualche nuova idea, magari con argomenti non canonici, magari (semplicemente) parlando un po' a ruota libera e non dei soliti argomenti. Magari parlando del nulla. 
Prima di tutto: volevo ringraziare il blog Il cumbrugliume per avermi assegnato qualche mese fa il Boomstick Award 2015. Non ho intenzione di assegnare il premio a mia volta, ma solo perché, in questo periodo, no…

Liebster Blog Award 2015

Immagine
Dopo all'incirca tre mesi e mezzo di allontanamento volontario dal blog, per motivi che non vi sto a spiegare perché 1) sono fatti molto personali 2) non credo ve ne freghi una mazza, da ieri sono tornato a scrivere. Più che per il blog in se lo faccio, appunto, per questo: scrivere, che è il primo passo per dare forma al caos. Costringendomi, perfino, per provare a riemergere da un vortice che rischia di trascinarmi sempre più giù. L'unico vero problema è che mi mancano argomenti, che necessito di tempo, che il motore ha bisogno di essere rimesso in moto poco alla volta per non rischiare di ingolfarlo ancora. 
Una delle motivazioni che ho trovato, quindi, per ricominciare a scrivere qui, mi è arrivata dal blog My IndiePop Taste che più o meno un mese fa mi ha premiato con un Liebster Blog Award 2015. Devo dire che mi ha fatto un piacere enorme, soprattutto perché non scrivevo da tanto e qualcuno ha avuto voglia di premiare comunque questo piccolo posticino desolato. Tra l…

Il caos può partorire una stella danzante

Immagine
Le cose non vanno mai come vorresti. E questo è un dato di fatto, una cosa che tutti sanno, tutti ammettono, ma che nessuno comprende finché le cose non iniziano ad andare nel verso sbagliato. Non ci si può far nulla, si può solo piegare il capo, fermarsi e cercare di guardare la cosa da una prospettiva diversa. Che non è detto che debba essere la più giusta. Insomma, bisogna accettare e andare avanti, ma è più facile a dirsi che a farsi. Perché quando il mondo ti crolla addosso non ci sono cazzi che tengano: quel mondo non c'è più e tu rimani immobile tra le macerie senza aver ben chiaro cosa fare. 
Quel che deve seguire allora è la ricostruzione. Ma per ricostruire qualcosa, ripartendo da zero, c'è bisogno del giusto stato mentale, della spinta appropriata, degli strumenti adatti. E della convinzione che, se le cose sono andate male, di fondo siamo stati noi a sbagliare qualcosa. Lavorare su se stessi, in questi casi, è la base. Cambiare atteggiamento per cambiare i risulta…