Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016

Room (di Lenny Abrahamson, 2015)

Immagine
LA TRAMA: Jack è un bambino di cinque anni cresciuto in una stanza in un capanno, che crede che quello sia il mondo intero e che, al di là di quelle quattro mura, non ci sia altro. In quella stanza sono solo lui e sua madre Joy, rapita sette anni prima da Old Nick e tenuta segregata assieme al frutto delle costanti violenze subite.
IN POCHE PAROLE: un film duro, psicologicamente violento. Un vero e proprio calcio nelle palle. Ma anche l'orrore, quello vero, guardato attraverso gli occhi innocenti di un bambino che, partorito da un incubo, si ritrova a dover affrontare un mondo che non conosce e che fa addirittura più paura dell'incubo stesso dal quale proviene. Room, tratto dal romanzo omonimo di Emma Donoghue e ispirato ad una storia vera, è un film diretto dal bravo Lenny Abrahamson, storia di sconvolgente violenza ma anche racconto di (ri)nascita, quello di una madre e di suo figlio. Film potente che non può non sconvolgere, commuovere e fare addirittura paura: una paura ata…

Liebster Award 2016

Immagine
Post fuori programma ma breve breve solo per ringraziare Pietro Saba e Giulietta94, rispettivamente dei blog Pietro Saba World e La Collezionista di Biglietti, per avermi nominato e assegnato il premio Liebster Award 2016. Non è la prima volta che ne vinco uno ma è sempre un onore, per me, essere ricordato nella bloggosfera, soprattutto quando non lo merito come in questi casi. Quindi grazie ragazzi per ricordarvi sempre di me, la cosa mi commuove. 
Inutile stare a ricordare che il Liebster Award si da ai blog con meno di 200 follower, che bisogna rispondere alle domande fatte dai blog nominanti e nominarne poi altri.  Io però, e vi chiedo scusa, risponderò solo alle domande e non nominerò nessuno, più che altro per non far torto a nessuno dei blog che seguo (che potete trovare tra l'altro sul mio blogroll).
DOMANDE PIETRO SABA WORLD
1. Pesce o carne? mare o montagna? Tutto, non posso scegliere. 2. La canzone più bella di sempre Oggi dico Careless Whisper 3. Il film con Tom Hanks che…

10 Cloverfield Lane (di Dan Trachtenberg, 2016)

Immagine
LA TRAMADopo un incidente stradale, Michelle si ritrova in un misterioso rifugio insieme Howard, che sostiene di averle salvato la vita, e Emmet. Alla ragazza viene detto che il mondo esterno è ormai invivibile a causa di un attacco chimico-batteriologico. Ma Michelle non è convinta ed è intenzionata a vederci chiaro.
IN POCHE PAROLE: sequel/non-sequel, praticamente un film parallelo, a otto anni di distanza dal suo predecessore Cloverfield, 10 Cloverfield Lane è un'opera claustrofobica retta dalle dinamiche tra tre personaggi diversissimi costretti ad una prigionia mascherata di quotidianità. Tre attori e una location, misteri che si accumulano e la diffidenza come motore di eventi che nella loro semplicità innescano un meccanismo basato sull'accumulo. Il tutto per sfociare in un finale che ricollega il film al più famoso "monster movie" degli anni 2000, trasformando un thriller precisissimo e serrato in vera e propria fantascienza. Ma forse, al di là degli evident…

Captain America: Civil War (di Anthony e Joe Russo, 2016)

Immagine
LA TRAMA: Steve Rogers, a capo degli Avengers, prosegue la sua lotta per salvaguardare l'umanità. In seguito ad un nuovo incidente internazionale e ai relativi "danni collaterali", però, il supergruppo attira l'attenzione del ministero della difesa americano e della politica mondiale: le Nazioni Unite decidono che gli Avangers (come tutti i super umani) debbano subire un controllo della stessa per poter operare per il bene del mondo intero. Non tutti i nostri supereroi sono però convinti che questo sia un bene. Per questo il super gruppo si troverà diviso in due fazioni: una capeggiata da Steve "Cap" Rogers, il quale desidera che gli Avengers rimangano liberi dalle interferenze governative, l'altra guidata da Tony Stark, che ha deciso di sostenere il sistema di vigilanza istituito dal governo.
IN POCHE PAROLE: Il solito film del MCU (Marvel Cinematic Universe) con uno dei simboli di questo universo, ovvero Captain America, e tante guest star e comprimari…

Outcast 01x01: A Darkness Surrounds Him (diretto da Adam Wingard, 2016)

Immagine
Oggi non ci sarà la recensione che avevo programmato di Captain America: Civil War ma parleremo di Outcast, la nuova serie TV della Fox. Il primo episodio di Outcast, A Darkness Surrounds Him - in Italia Venite a Prendermi, è andato in onda in anteprima mondiale il 20 Maggio scorso avendo la Fox ha deciso di trasmetterlo in streaming gratuito sulla pagina Facebook ufficiale. Ideata da Robert Kirkman (il papà di The Walking Dead), Outcast è una serie nuova nuova, tratta dal comic omonimo di cui ho accennato qualcosa qui. E sebbene abbia deciso di non parlare più di singoli episodi di Serie Tv, questa volta faccio un'eccezione, sia perché si tratta di un'anteprima assoluta che attendo da più di un anno, sia per la modalità con cui la Fox ha deciso di renderla disponibile a chiunque e completamente gratis. 
LA TRAMA
Kyle Barnes (Patrick Fugit) è tornato da poco a vivere nella fittizia cittadina di Rome, della Virginia Occidentale. Ha un passato tormentato ed ormai "sopravvi…

Quel Bar Sotto il Ring (di Hugo Bandannas, 2015)

Immagine
A volte leggi cose che vanno per i fatti loro, nel senso che non ti appartengono, sono mondi alternativi che caso mai sfiorano o si incontrano/scontrano con il tuo, hanno una loro storia e un loro percorso che definirei alieno. Ma le leggi comunque, perché una cosa effettivamente non sai di che natura è finché non te la vivi, e qualcosa ti lasciano, rielaborato dalla nostra realtà che la fagocita per non esserne fagocitata. Sono quelli i casi in cui una qualunque opera scritta - limitiamoci a questo, oggi - ti lascia qualcosa, non dico necessariamente qualcosa di positivo o negativo. Intendo un bagaglio accresciuto. E ciò non ha nulla a che fare con la qualità della cosa letta. 

Conosco Hugo Bandannas per vie virtuali da ormai... tanti anni! Non mi sono mai soffermato a definirlo, di certo non come persona, men che meno come "artista". E concedetemi l'utilizzo di questo termine: molti evitano di scriverlo associandogli chissà quale significato positivo, ma io credo non c…

The Boy (di William Brent Bell, 2016)

Immagine
LA TRAMA: Greta è una giovane donna americana dal passato burrascoso da cui tenta di fuggire accettando un lavoro nella piovosa Inghilterra, come tata del rampollo di un'attempata coppia benestante, i coniugi Heelshire. Il piccolo Brahms non è però quel che ci si aspetterebbe: non si tratta infatti di un bambino in carne e ossa ma di un bambolotto di porcellana a cui badare seguendo delle semplici regole. Una passeggiata insomma, se non fosse che la grande e isolata magione in stile vittoriano in cui si troverà a vivere, nasconde segreti che la giovane donna non si sarebbe mai aspettata di dover affrontare.
IN POCHE PAROLE: stupido, mediocre, inutile.

IN PIU' PAROLE
Quella delle bambole (o bambolotti) maledette è uno dei topoi più inquietanti dell'horror cinematografico. L'inanimato che prende vita, ma soprattutto un evoluzione del mito del Golem, con la bambola effigie di noi stessi trasfigurati della nostra stessa innocenza, con quell'oggetto che da figura protet…

Punti di vista!

Immagine
E ritorno, dopo un mese abbondante di assenza. Un po' perché ho avuto da fare, un po' perché solo il pensiero di tornare a scrivere per qualcuno mi dava la nausea. Suona persino strano specificare "scrivere per qualcuno", ma si tratta proprio di questo, soprattutto quando si tratta di blogging. Ma come si può scrivere per qualcuno che non vuole leggere? Scrivere per qualcuno che non ha voglia di aprirsi alle opinioni altrui, ma solo di esprimere la propria quasi fosse regola (legge) insindacabile?Cose che - per fortuna - non ho ancora riscontrato qui, tra gli altri blogger o utenti che leggono o commentano (casomai tra quelli che non leggono, troppo lunghi i post, troppo noioso farlo) ma che riscontro ogni giorno altrove, nella vita reale, con le così dette "persone normali" con cui discuti di cinema, serie tv o musica ma anche di politica, cultura, tecnologia, sui social (soprattutto) ma persino al supermercato, dove non necessariamente parli ma magari se…