Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

XX (di R. Benjamin, K. Kusama, St. Vincent e J. Vuckovic, 2017)

Immagine
Ho già parlato spesso e volentieri del mio amore per i film horror antologici. Amore che mi spinge a (cercare di) non perdermene uno anche quando so di trovarmi di fronte ad un'ipotetica cagata. E' facile sbagliarli, gli horror antologici. Se prendi registi diversi, autori diversi, e li metti tutti nello stesso pentolone, corri il rischio che il risultato finale non sia amalgamato bene. O che il sapore finale sia diverso da quello che ci si aspettava. Magari gli ingredienti si annullano a vicenda. Magari si scopre che hanno sapori troppo dissimili, a volte opposti, che creano una dissonanza. Poi non è detto che la qualità sia uguale per tutti. Insomma, quando prepari un film con cortometraggi di più "personalità", il risultato è sempre un terno al lotto. E tutti noi sappiamo quanto difficile sia beccare i numeri giusti. 
Ponendomi quindi di fronte ad un film come XX (2017)non sono stato accarezzato nemmeno un istante dal dubbio se guardarlo o meno. Il dubbio, l'…

Il mio episodio preferito fino ad ora: Twin Peaks (2017), parte 7

Immagine
Mentre tutto il mondo (dei fan) di Twin Peaks è in trepidante attesa della puntata numero 8 (o meglio, della parte numero 8), ecco che qui su Combinazione Casuale parliamo un attimino di quella numero 7. Episodio che, a me personalmente, ha convinto più di tutti gli altri. 
Ma andiamo con ordine: ve lo siete sempre chiesto che fine avessero fatto le pagine mancanti del diario di Laura Palmer, vero? Sto parlando di quelle strappate da Leland/Bob in cui veniva rivelato chi fosse l'assassino e tante altre curiose cosette. Bene, quelle pagine (non si sa perché o da chi) erano state nascoste nel bagno dell'ufficio dello sceriffo e sono state ritrovate da Hawk nella puntata numero 7. Ora, come Laura abbia fatto a scrivere su quelle pagine che il Buon Dale è imprigionato nella Loggia lo sa solo Dio Lynch, essendo stato (lo scopriamo in Fuoco Cammina con Me) il diario affidato ad Harold Smith prima del sogno in cui Annie rivelava il fattaccio a Laura e dopo che Bob ne aveva strappato…

H.P. Lovecraft e l'orrore cosmico della quotidianità

Immagine
Nei giorni scorsi ho finalmente concluso la lettura di uno dei fumetti che più mi ha appassionato in questi ultimi anni: sto parlando di Providence, di Alan Moore.  Providence, come specifica lo stesso titolo, è un mastodontico lavoro che il Bardo ha dedicato ad uno dei suoi scrittori (se non LO scrittore) preferiti di sempre, ovvero H. P. Lovecraft. Ma "dedicato" non è forse il termine più appropriato: piuttosto l'ha incentrata completamente sul suo universo narrativo, arrivando ad un vero e proprio lavoro filologico (per quanto riportato al "fantastico" dell'opera di fiction) e decostruttivo. 
Non è questa però la sede che voglio dedicare a Moore e al suo ultimo capolavoro. Più che altro la lettura di Providence mi ha portato a fare determinate riflessioni sul Solitario di Providence e sulla sua poetica e per questo ho deciso di dedicare all'argomento un piccolo post. "Piccolo" perché parlare di Lovecraft necessiterebbe di uno spazio ben pi…

Twin Peaks 2017: episodi 5 e 6. Come sta andando la serie che cambierà ancora una volta la storia della televisione?

Immagine
"Accade a Twin Peaks": era così che, prima di ogni ogni nuovo episodio, veniva riassunto quanto successo precedente nelle prime due stagioni della serie cult di David Lynch e Mark Frost. Ed è proprio quello che ho tentato di fare anch'io fino ad ora, qui, due episodi alla volta, cercando di dare un senso a quanto scorreva sullo schermo (e davanti ai miei occhi) di questa terza stagione di Twin Peaks (2017). Solo che, effettivamente, qui non siamo più di fronte ad una serie TV puntata dopo puntata. Qui siamo di fronte a parti di film. Ora, riassumere parti di film, blocchi di minuti, secondo me è quanto di più inutile si possa fare. Più facile sarebbe, invece, fare una vera e propria analisi scena per scena di ogni puntata, ma mi annoia anche solo pensare a una cosa del genere: nel momento stesso in cui mi metterò ad analizzare scena per scena questo TP, so già che comincerò ad odiarlo. Quello di analisi è un lavoro che secondo me va fatto alla fine, riguardando la serie…

Le poesie di L'Ultimo Saluto di Hook, di Francesco Alfarano

Immagine
E' da poco uscito un libro che volevo consigliarvi ma, nel momento stesso in cui ho deciso di scrivere questo post, mi sono reso conto che non parlo di libri ormai da un po'. Sarà che non sto leggendo più come un tempo, con la stessa frequenza e stessa assiduità, essendomi attestato ultimamente su uno/due libri al mese (ma ammetto che negli ultimi due anni sono stati persino meno) inclusi i graphic novel. E dire che la lettura è sempre stata una mia grande passione, ben più antica (sin da quando ho imparato a leggere) del cinema o della TV. Ancor di più, però, mi ha sorpreso constatare da quanto tempo io non legga poesia, quella che prima per me era una sana e quotidiana abitudine, una medicina per l'anima da prendere con naturalezza.  
E' successo però che, recentemente, un amico mi ha chiesto di scrivere la prefazione (o introduzione) della sua ultima raccolta. E io ho accettato. Un po' per la stima che nutro nei suoi confronti, un po' perché sarebbe stata l…

John Wick - Capitolo 2: tamarrate malinconiche!

Immagine
Se avete letto questo post, ricorderete che a me John Wick (2014) era piaciuto veramente tanto, una tamarrata di mazzate, lacrime e ironia che era riuscito ad esaltarmi e a farmi tornare ragazzino. Quel film, non ci vuole molto a capirlo, dava esattamente quel che prometteva: plot pretestuoso e tanta violenza a metà strada tra l'action anni '90 e il videogioco moderno. Bene, ero alquanto timoroso nei confronti del suo annunciato sequel, eppure ogni paura si è rivelata infondata: John Wick è tornato e non sembra invecchiato di un solo giorno. 
In effetti John Wick - Capitolo 2 riparte da dove era finito il suo predecessore e lo fa col botto: il regista Chad Stahelski e lo sceneggiatore Derek Kolstad non ci danno nemmeno il tempo di prendere fiato, partendo con un inseguimento automobilistico tra le strade di New York che lascia senza parole per poi catapultarci in un nuovo turbine di sangue e violenza. E vendetta, che ancora una volta fa da filo conduttore. Sia chiaro, si trat…

Twin Peaks 2017, episodio 3 e 4: questa serie non potrà fare altro che deludervi?

Immagine
Ed eccoci qua, anche questo fine settimana a parlare di Twin Peaks 3. Eccoci arrivati al terzo e quarto episodio, quindi anche questa settimana due al prezzo di uno, mentre dalla prossima verrà trasmessa solo una puntata alla volta. Non siamo nemmeno ad 1/4 di questo lunghissimo film (perché così David Lynch l'ha concepito) e già siamo entrati nel vivo della narrazione. Ovviamente per poterne parlare, per fare una sorta di riassunto (per quanto possibile), devo creare una piccola sezione SPOILER in questo post. Quindi, se ancora non avete visto le ultime due "parti", vi consiglio di non leggere qui sotto ma di andare direttamente alle CONCLUSIONI.
INIZIO SPOILER
Quindi, dove eravamo rimasti? Ah, sì: al Good Cooper che era stato spedito dal doppelganger dell'"evoluzione del braccio" fuori dalla Red Room. Lo ritroviamo in una sorta di stanza, in compagnia di una donna asiatica senza occhi. Una stanza psichedelica dove il tempo sembra andare per i fatti propri…